I MIGLIORI bidoni aspiratutto da comprare

Sei indeciso su quale bidone aspiratutto comprare? Questo articolo è stato creato per aiutarti a scegliere il miglior bidone aspiratutto più adatto alle tue esigenze.

Le necessità di pulire un pavimento possono articolarsi in molti modi a seconda delle specifiche esigenze, delle dimensioni dell’ambiente e della tipologia di sporco che deve essere trattato. Ecco spiegato perché in commercio sono disponibili i modelli più svariati, dalle leggere e molto versatili scope elettriche ai tradizionali aspirapolvere a traino, fino ai robot lavasciuga che permettono di aspirare e lavare il pavimento con lo stesso elettrodomestico.

Tutti questi prodotti sono perfetti per rispondere alle esigenze di un nucleo familiare, poiché consentono di ottenere un buon grado di pulizia senza troppa fatica. Tuttavia potrebbero non essere sufficienti per pulire i residui di sporco provocati da una piccola ristrutturazione o da lavori di muratura.

Inoltre, non risultano attrezzati per la pulizia di ambienti all’interno dei quali si trovano residui sia allo stato solido sia allo stato liquido. Può accadere ad esempio nel caso di un garage o di un grande capannone. Ecco perché per tutte queste necessità esiste il bidone aspiratutto, dispositivo che permette di aspirare in maniera davvero insuperabile svariati materiali.

Un elemento che caratterizza questi apparecchi è la capacità di agire con grandi quantità. Infatti, è pensato per liberarsi anche dello sporco più ostinato su superfici di ampie dimensioni. Proprio perché si tratta di apparecchi particolarmente potenti, prima di procedere con l’acquisto è fondamentale prendere in considerazione tutte le caratteristiche.

Qual’è il miglior bidone aspiratutto da comprare?

Vediamo di seguito cosa valutare per scegliere il modello che maggiormente si adatta alle proprie esigenze.

Come scegliere il miglior bidone aspiratutto

La struttura

Un elemento da considerare prima di tutti gli altri riguarda la sua struttura. Rappresenta un fattore in grado di influenzare il funzionamento dell’apparecchio stesso. La struttura può condizionare la facilità di movimento all’interno dell’ambiente, così come quella di stoccaggio a seguito dell’utilizzo.

La struttura deve essere considerata anche in relazione allo spazio che si ha a disposizione nel contesto domestico o professionale. Ad esempio, un modello particolarmente capiente potrebbe sembrare la soluzione adatta per una pulizia efficace nel proprio negozio. Mentre in assenza di un magazzino sufficientemente grande, rischierebbe di convertirsi in un acquisto non solo impegnativo ma anche poco funzionale.

In generale, per quel che riguarda le dimensioni e la struttura si deve tenere presente che i bidoni aspiratutto sono più ingombranti di un classico aspirapolvere. Come suggerisce del resto il nome stesso, la gran parte degli apparecchi presenta una forma cilindrica che ricorda un classico bidone, sulla cui base sono apposte quattro ruote per favorire i movimenti durante l’utilizzo.

Sempre per quel che concerne gli elementi strutturali e il design, la maniglia pensata per il trasporto è particolarmente importante. Posizionata sulla parte superiore del dispositivo, essa vanta diverse ampiezze. Inoltre, a seconda del modello la maniglia può essere fissa oppure pieghevole, al fine di portare via meno spazio. Il peso, che può arrivare in alcuni casi anche a otto chili, può sembrare un fattore da prendere in considerazione, nell’ottica di privilegiare esclusivamente i modelli meno pesanti.

Eppure, oltre al peso si deve valutare il design. Spesso hanno una struttura tale che consente di non percepire troppa fatica quando si solleva il prodotto. Sulla struttura incidono anche elementi quali il vano porta accessori, che non è sempre previsto, ma rappresenta un ottimo valore aggiunto. Perchè può permette di tenere a portata di mano tutti gli accessori che potrebbero rendersi necessari durante le normali operazioni. Infine, un altro aspetto strutturale da considerare è la lunghezza del cavo, la quale determinerà anche la libertà di movimento durante l’utilizzo.

La potenza di aspirazione

Come è facile intuire, è in grado di aspirare molto più di un tradizionale aspirapolvere, anche grazie a quello che si definisce il potenziometro, che permette di regolarne la capacità di aspirazione. Prima di procedere all’acquisto di questi apparecchi è importante esaminare il dato relativo alla potenza di aspirazione reale, generalmente indicato sulle etichette con l’espressione Air Watt.

Prestando attenzione a quanto specificato accanto a tale termine, sarà più facile capire in maniera precisa qual è la reale capacità aspirante del bidone. Sfortunatamente, non tutte le case produttrici scelgono di comunicare in maniera trasparente tale valore, poiché si tratta di un’informazione non obbligatoria. In tal senso, non può essere preso come elemento di comparazione fra tutti i modelli sul mercato, anche se rappresenta un importante criterio per valutare le prestazioni degli apparecchi che lo rendono noto.

Le capienza del serbatoio

Un importante fattore da prendere in considerazione nel momento in cui ci si trova a scegliere il bidone aspiratutto, riguarda senza dubbio il serbatoio. Le cui caratteristiche devono adattarsi alle singole esigenze del nucleo familiare o della realtà professionale. Il serbatoio rappresenta il contenitore all’interno del quale viene convogliato tutto lo sporco. Rappresenta un buon indicatore per riuscire a valutare il grado di autonomia, nonché la praticità dell’apparecchio stesso in relazione alla capacità di pulire ambienti più o meno grandi.

Inoltre, la capacità del serbatoio aiuta a comprendere se sarà possibile aspirare un determinato materiale solido o liquido. La capienza del serbatoio può variare all’interno di un range compreso tra i dieci litri di un modello sufficientemente capiente per arrivare fino ai trenta litri di un modello professionale, da utilizzare prevalentemente in contesti industriali.

Al contrario di quel che avviene per gli aspirapolvere, il serbatoio non può essere mai rimosso per essere svuotato. Questo potrebbe comportare sicuramente una minore semplicità di utilizzo. Tuttavia, va detto che può essere inclinato senza problemi per togliere tutto lo sporco aspirato. Senza contare che sui modelli più innovativi è prevista anche la sola funzione aspirapolvere, Questa consente quindi di poter sfruttare un sacchetto dedicato esclusivamente alla raccolta di residui di sporco solidi e leggeri.

Oltre a questa caratteristica, che può essere utile per coloro che sono alla ricerca di un apparecchio più versatile, in linea generale il serbatoio rappresenta un criterio fondamentale per guidare la scelta, poiché incide per la maggior parte sull’utilizzo che si andrà a farne.

Ecco dunque che se si ha la necessità di aspirare su base quotidiana svariati litri di liquidi, si dovrà puntare su un modello che vanta un’ampia capienza. Al contrario, chi magari cerca un elettrodomestico in grado di pulire alla bisogna stanze quali il garage o la cantina potrà affidarsi a un modello meno capiente, ma con un maggior numero di funzionalità.

Gli accessori in dotazione

Un ulteriore aspetto da tenere in considerazione riguarda il numero nonché la varietà di accessori che sono forniti assieme al prodotto. Quanto più ampia è la gamma degli accessori, tanto più versatile risulterà l’apparecchio nel pulire delle superfici specifiche oppure per raggiungere anche gli angoli più remoti.

Alcuni degli accessori più comuni includono varie spazzole per pavimenti e superfici realizzati nei materiali più svariati. Generalmente è inclusa una spazzola perfetta per detergere delicatamente i divani, così come la bocchetta per le fughe. Questa è fondamentale per ottenere un’aspirazione precisa in questi angoli difficili da pulire. Inoltre, un accessorio molto utile è il filtro specifico per aspirare i liquidi.

Ovviamente il numero di accessori, che varia in funzione al prezzo. Questo deve essere valutato facendo mente locale riguardo all’utilizzo effettivo che se ne andrà a fare. Non sempre infatti è necessario puntare su prodotti di fascia alta che vantano moltissimi accessori, se si prevede di usarlo per una frazione della sua potenzialità.

Il potere filtrante 

Considerato l’utilizzo per il quale è pensato, non è difficile immaginare che la capacità di filtrazione venga sottoposta a una minore attenzione rispetto a quanto accade nel caso di un sofisticato aspirapolvere domestico. Questo accade proprio perché è in grado di aspirare tantissime tipologie di materiali sia solidi che liquidi.

Ad ogni modo, proprio come accade per gli aspirapolvere, il miglior bidone aspiratutto è dotato di un sistema di filtrazione il quale previene il passaggio delle particelle sottili. Anche se possono risultare meno raffinati rispetto a quelli di un aspirapolvere, i sistemi di filtrazione sono comunque sufficienti a garantire un buon risultato.

Tali sistemi possono consistere in una struttura unica che filtra sia liquidi sia i solidi, Esistono anche molti modelli in commercio che montano unità di filtrazione multipla, la cui efficacia risulta sicuramente maggiore. In altri casi, a seconda del tipo di materiale da aspirare, è richiesto di cambiare i filtri in dotazione. Sono rari i dispositivi che montano un filtro Hepa, che garantisce una capacità di filtrazione del 99,7%.

Quanto consuma il miglior bidone aspiratutto

Infine diamo infine un’occhiata all’aspetto dei consumi, tra i più importanti da considerare soprattutto in relazione alle prestazioni offerte. In virtù della struttura e della potenza di aspirazione, questi apparecchi sono in genere molto potenti. Richiedono di fatto una notevole dose di energia elettrica. Infatti, consuma più di un normale aspiratore, per una potenza che oscilla tra 1000 e 1800 watt.

I modelli più innovativi vantano un potenziometro. La cui pratica funzione è quella di lasciare al consumatore la possibilità di scegliere in qualsiasi momento come gestire la potenza di aspirazione, modulandola in relazione alla pulizia che si deve eseguire.

Un’altra fondamentale differenza che distingue i bidoni dagli aspirapolveri nell’ottica del loro consumo, riguarda il fatto che le case produttrici non sono tenute a esplicitare l’efficienza energetica del bidone aspiratutto. La mancanza di tale valore, generalmente espresso in diverse classi, priva l’acquirente della possibilità di valutare un elemento sempre più importante per quel che riguarda la gestione della propria casa o attività commerciale.