App Android

Come creare un’app di successo e guadagnare

Come creare un'app di successo e guadagnare
Se ti è piaciuto l'articolo condividilo!
TwitterFacebookPin It

Quanto costa realizzare un’app e cosa si deve (o si dovrebbe) fare perché essa abbia ampie probabilità di avere successo?

Sono domande che molte persone si pongono e alle quali dare una risposta universalmente valida è tutt’altro che semplice.

Il motivo principale di tale difficoltà sta nella cospicua quantità di variabili che riguarda la questione, la maggior parte delle quali dall’esito del tutto imprevedibile.

Diciamo che rispondere al primo quesito tuttavia, è più semplice che per il secondo.

In linea di massima il costo dell’apertura di un’app, a seconda dell’investimento che si intende fare, è compreso fra i 5mila e i 70mila euro, quindi la forbice, come si può notare, è decisamente ampia.

La storia insegna che non sempre spendere tanto all’inizio si traduce in un successo assicurato, poiché ci sono state app costosissime rivelatesi un buco nell’acqua e, al contrario, app nate con cifre modeste risultate poi fortunatissime.

Chiarito questo primo punto, ovviamente fondamentale, passiamo ad analizzare il secondo: di seguito vi diamo 5 consigli per partire con maggiori chance di riuscita.

Come creare un’app di successo e guadagnare

L’idea è quella giusta?

Sembra scontata e banale, invece è il nodo centrale da cui partire e a cui tutto il resto consegue: trovare l’idea giusta.

Se la vostra intenzione è quella di aprire un’app, innanzitutto immedesimatevi nella tipologia di utenti alla quale desiderate rivolgervi: perché dovrebbero scaricare proprio la vostra applicazione e, aspetto di certo non secondario, per quale motivo dovrebbero continuare ad usarla?

Un’app può riscontrare un successo immediato persino travolgente, ma se non ha quel “qualcosa in più” rischia di esaurirsi in breve tempo.

Dunque dovete essere un po’ geniali, fortemente innovativi ed offrire ciò che gli altri non danno.

Siate un po’ inventori e un po’ psicologi: in questo modo, almeno, sarete certi di partire con il piede giusto (che non è poco, no?)

Qualità indispensabili per ogni app

Mentre la app è in fase di sviluppo è opportuno, anzi tassativo, assicurarsi che la stessa sia dotata di tutti quegli elementi giudicati indispensabili per la sua efficacia.

Quali?

Integrazione con i principali social network, notifiche push, valutazioni, recensioni e geolocalizzazioni.

Volete sapere qual è il requisito che gli esperti in materia reputano il più importante per un’app?

La leggerezza, il che vuol dire anche un download immediato.

Solo così, stando almeno a quanto dicono le neuroscienze, si può evitare il cosiddetto web stress, espressione con cui si indica il passaggio improvviso e non programmato da attività beta (più veloci e vivaci) ad attività alfa (più soft).

Cosa significa tutto ciò in termini più terra terra e facilmente comprensibili a chiunque?

Che la noia crea stress ed iniziare male non è il tipo di partenza ideale per creare engagement.

Impatto visivo, pulsanti e tasti

L’impatto visivo è fondamentale.

Secondo i più valenti conoscitori della materia, il pulsante “back” è indispensabile per evitare che l’utente viva la sgradevole sensazione di “sentirsi in gabbia”, ma non solo: anche la sua posizione conta e non poco.

Siccome noi occidentali siamo abituati a leggere dall’alto in basso e da sinistra a destra, è meglio posizionarlo a sinistra in alto, poiché è proprio in questo punto che lo sguardo cade immediatamente.

Allo stesso modo, conta il colore dei pulsanti, che devono distinguersi perfettamente in base alla loro funzione.

Adeguarsi a quanto stabilito da Apple e Google

E’ necessario adeguarsi alle regole del (o dei) distributore quindi, in tal caso, di Apple e Google.

Entrambi offrono interessanti spunti di design sia generici che più specifici ed è bene conformarsi ad essi il più possibile.

Le regole generiche si riferiscono alla dimensione e alla leggibilità dei testi, alla grandezza delle aree da toccare e al posizionamento migliore degli elementi che appartengono alle interfacce.

L’interfaccia deve possibilmente dare all’utente la sensazione di avere a che fare con qualcosa di estremamente familiare, ovvero con un’app che dia loro l’impressione di essere una parte integrante e del tutto naturale del dispositivo stesso.

Attività di naming ben strutturata ed efficace

Per avere successo dovrete occuparvi di un piano di marketing curato sotto tutti i punti di vista ed in tal caso sarebbe necessario affidarvi ad esperti del settore, come ad esempio Diego Granese (qui trovate il sito ufficiale: http://www.granesediego.com).

Esperti come questa figura professionale saranno in grado di guidarvi nell’attività di non solo marketing (che sia online o classico), ma anche nello sviluppo della vostra eventuale start-up con particolare attenzione nel settore amministrativo, degli investimenti e del team building. Proprio quest’ultimo fattore è decisivo nello sviluppo di un’app di successo.

Come anticipato la migliore app dal punto di vista dello sviluppo, necessita dunque di un’attività di naming altrettanto efficace e strutturata in modo capillare.

Cosa vuol dire?

In pratica, che dovete dare della stessa l’immagine giusta, comunicando con chiarezza cos’è, a cosa serve e a chi si rivolge.

Se volete emergere fra le tante proposte esistenti e possibilmente trovare un posto nella classifica degli store, essere chiari sin dall’inizio e è uno step che non potete bypassare.

Tradotto semplicemente: cercate di sintetizzare in solo un paio di parole lo stile e l’utilità della vostra app.

Create un logo che sia evidentemente connesso e in armonia con il nome scelto e date informazioni secche ed immediate.

Ovviamente largo spazio anche alle immagini ed, eventualmente, a grafici e simulazioni di azione, che per loro natura danno una mano a comprendere meglio e più velocemente le parti scritte.

E’ questo il modo migliore che hanno per comunicare una app e il cervello degli utenti.

Se ti è piaciuto l'articolo condividilo!
TwitterFacebookPin It
Maestri Simone
Ciao a tutti mi chiamo Simone e gestisco questo blog, Spero che vi piaccia e che troverete i miei articoli interessanti e utili. Se avete bisogno di qualche consiglio e informazioni su come usare il PC, oppure su come scegliere un notebook potete contattarmi tramite Google+ o Facebook
https://s-m-webblog.com