Le migliori app per smettere di fumare

Smettere di fumare è un grande problema, non solo per chi ha il vizio da una vita, ma anche per chi ha da poco assaporato il gusto della nicotina.

Tuttavia, come per tante altre cose, la società sta provando a fronteggiare questo grande problema, che ha la sola pecca (ma molto grave) di distruggere la salute di chi “ama” la sigaretta.

In tanti provano ad affidarsi a cerotti, gomme da masticare, persino alle nuove sigarette elettroniche, pur di abbandonare la dipendenza dalla nicotina, ma risulta tutto vano.

Ecco dunque che in molti stanno tentando il tutto per tutto riponendo la massima fiducia in alcune applicazioni per device mobili, nate appunto per dare una mano a chi non riesce a gettar via la sigaretta. Sarà una mera convinzione psicologica, o forse davvero funziona, ma l’uso delle applicazioni contro la sigaretta potrebbe davvero rivelarsi un aiuto più valido di tante altre escamotage.

Ecco dunque quali sono le migliori app per smettere di fumare.

QuitNow

QuitNow, disponibile per dispositivi Android di ultima generazione e iOS, è tra le applicazioni più amate dagli utenti per la sua semplicità grafica e le sue funzioni ricche ed apparentemente efficaci.

Non solo è molto semplice da usare, ma mette in evidenza passo dopo passo tutti i piccoli progressi fatti dalla persona, aggiornando di continuo il suo archivio.

Basta segnalare la data dall’ultima sigaretta fumata (mesi, giorni, minuti e secondi), e l’applicazione ci dirà anche quante sigarette abbiamo risparmiato dall’ultima, quanto soldi non abbiamo speso, e come la salute polmonare migliora in assenza di tabacco.

Addirittura, l’app è stata pensata per aggiornare di volta in volta l’utente sui miglioramenti di salute che l’organismo ottiene quando non assume nicotina, prendendo spunto dagli indicatori forniti dall’OMS (Organizzazione Mondiale della Sanità).

L’utente avrà inoltre accesso ad un elenco di obiettivi (da sbloccare a uno a uno) che step by step lo aiuteranno a trovare dei validi motivi per progredire sempre di più in questo percorso di disintossicazione da sigarette.

Smoke Free

Smoke Free è una valida alleata contro il tabagismo. Il software nasce nel Regno Unito per poi diffondersi rapidamente anche in altri stati, proprio per il valido aiuto che riesce a fornire.

Graficamente, non a caso, fornisce una barra dei benefici, che si aggiorna in tempo reale, giorno dopo giorno, in base a come e quanto la dipendenza da nicotina va scemando.

L’unico svantaggio nel nostro paese è che non c’è la versione italiana, per cui nemmeno la valuta in euro.

Quindi dovremo imparare a riconoscere il significato delle parole contestualizzate, e imparare il cambio valuta euro sterline.

Un piccolo neo superabile, a fronte del valido aiuto che è in grado di dare. Conta già oltre un milione di download, più di 35mila recensioni positive e nemmeno un utente deluso.

Smetti di fumare assistente

Smetti di Fumare Assistente non è scaricabile su iOS ma in compenso ha una portata davvero entusiasmante per i siga-dipendenti.

L’applicazione ha permesso di aumentare il popolo di ex tabagisti e funziona bene o male come le altre. Interviene infatti sul controllo salutare e sul risparmio economico, incita l’utente ad andare avanti nel suo percorso premiandolo e gratificandolo.

Addirittura è in grado di prevedere i possibili benefici sul lungo periodo e dà informazioni seduta stante su quelli immediati. Ha poi un valore aggiunto rispetto ad altri software. Fornisce infatti come funzione ulteriore la possibilità di redigere un diario telematico per andare avanti nei possibili progressi.

Tutto sommato conta mezzo milioni di utenti e 300 mila recensioni positive.

Kwit

Kwit è molto più giovanile, più prestante sul piano grafico. Neonata da appena due anni essa può essere catalogata come un’applicazione motivatrice anti fumo.

Grazie alla sua interfaccia perfetta per i millenials, essa si rivolge proprio alle nuove generazioni viste le numerose funzionalità gioco in essa presenti.

Oltre ai giochi si trovano anche delle sfide, che hanno sempre lo scopo di persuadere l’utente a non accendere la sigaretta.

C’è poi un percorso apposito dove i traguardi da raggiungere sono 60 e una volta raggiunti, si possono condividere sui social network.

Accanto alle funzioni gaming, c’è anche la parte “seriosa” con statistiche concernenti il tempo trascorso dall’ultima sigaretta, il denaro non speso e quanto fumo i polmoni hanno risparmiato nel non fumare.

Quit Smoking

Quit smoking – Smokerstop anch’essa è Made in England. Tuttavia sortisce così tanto i suoi effetti sulla popolazione anglosassone che lentamente sta prendendo quota anche dalle nostre parti. Manca (come prima) la versione italiana, ma grazie alla semplice grafica, molto intuitiva, non occorre essere pratici della lingua per imparare ad usarla.

Il suo funzionamento si basa su un metodo scientifico, il quale prese spunto esclusivamente dalla motivazione pura.

Si parla di obiettivi da raggiungere, di livello di salute, di soldi risparmiati e messi nel salvadanaio. Contrariamente ad altre app, fa leva sull’orgoglio umano, aiutando gli user a non ricadere nel baratro della sigaretta.